Baccalà Fritto

Il baccalà è probabilmente uno degli ingredienti più utilizzati nella cucina tradizionale e casalinga di molti paesi. E' un prodotto capace di conservarsi e dunque di viaggiare lontano. Differente, per sapore e consistenza, rispetto a "suo cugino" lo stoccafisso, che anzichè essere conservato sotto sale viene fatto essiccare all'aria, entrambi sono i protagonisti delle ricette più popolari dell'intera penisola italiana, da quello in umido al forno con i ceci o altri condimenti molto apprezzati come patate e olive. Oggi vogliamo presentarvi una ricetta veramente semplice da preparare, che in una manciata di minuti vi permetterà di portare in tavola un piatto perfetto per ogni occasione. Che sia un pranzo in famiglia o la cena della Vigilia o il pranzo di Natale con il nostro baccalà fritto il successo è garantito. La sua fragrante crosticina che ad ogni assaggio rompendosi regalerà la morbidezza e tutto il sapore del pesce.

Ingredienti

Baccalà dissalato 650 g Farina 00 30 g
Per Friggere
Olio di semi 500 ml

Preparazione

Per preparare il baccalà fritto prendete il vostro filetto già dissalato (se utilizzate baccalà sotto sale serviranno almeno 3 giorni di ammollo come indicato nella scuola di cucina: come dissalare il baccalà) e procedete a levare la pelle. Per farlo sarà sufficiente sollevarla a partire dalla coda e tirarla via delicatamente con le mani. A questo punto, aiutandovi con una pinzetta, estraete le lische ,per individuarle sarà sufficiente accarezzare con il palmo della mano il filetto di baccalà.A questo punto tagliate il baccalà a fette spesse circa 3-4 cm (4) e dividete a metà quelle più grandi . Versate la farina in una ciotola e utilizzatela per infarinare i pezzi di baccalà (6) da entrambe le parti, che poi posizionerete su un vassoio.Versate l'olio in un tegame e scaldatelo fino a raggiungere una temperatura compresa tra i 180° e i 190°, quindi utlizzatelo per friggere pochi pezzi per volta - In base allo spessore, ci vorranno dai 4 ai 6 minuti e solo quando risulteranno ben dorati potrete scolarli e posizionarli su un foglio di carta da cucina in modo da eliminare l'olio in eccesso . Terminate di friggere e servite il baccalà fritto ancora fumante per gustarlo al meglio .Il paese, 256 m s.l.m., 113 abitanti , si trova all'estremo nord-est del territorio marscianese, al confine con il comune di Perugia, nelle vicinanze di Sant'Enea, Villanova, San Biagio della Valle e Pila. Tra Badiola e Sant'Enea scorre il torrente Genna. Paese ordinato e tranquillo, Badiola offre paesaggi della media collina umbra.

Badiola

Le prime notizie su Badiola risalgono all'anno 1045. A quel tempo Badiola era una piccola abbazia benedettina occupata da pochi monaci e con scarse rendite. Essa era un antichissimo diritto del Monastero di S. Pietro di Perugia, al quale anticamente il rettore pagava il canone di una corba di grano all'anno, corrispondente ad una grossa cesta.

La denominazione odierna è frutto di un insieme di variazioni avvenute nei secoli a partire dall'originaria S. Benedetto di Pietro Valliola; con tale nome se ne conferma il possesso all'Abate Bonizzoni da Papa Gregorio VI.

Nei diplomi imperiali di Federico I (1163) ed Arrigo VI (1196) è nominata San Benedetto dell'Abbazia.

Nel 1331 nei registri di Ugolino da Monte Vibiano, abate di S. Pietro, è espressamente chiamata Ecclesia Santi Benedicti di Abbadiola Vallis Uberti.

Un contratto del venerdì 8 gennaio 1496 stipula che Tommaso di Marco Silvestro, di Perugia Porta Eburnea, concede a cottimo ad Anselmo di Angelo, del Castello di Badiola, un podere lavorativo con casa sito nelle pertinenze di Pila, nel vocabolo Santa Maria del Cerreto.

Il 23 settembre 1497 è unita in un'unica parrocchia con la vicina Pilonico, poiché entrambe non erano in grado di pagare le rette al Monastero di S. Pietro. Nel 1508 la chiesa fu visitata dall'Abate Don Ignazio Manfredi, il quale vedendola angusta propose al popolo di rifarla, come difatti avvenne, essendosi il monastero tassato per 8 fiorini e il popolo per 30. Poco tempo dopo, però, le due parrocchie vennero di nuovo separate, ma non se ne sa con certezza in che anno. Nel 1570 un osservatore apostolico in visita ordinò la costruzione dell'abitazione del Parroco, ma il Monastero di San Pietro si oppose alla decisione.

All'interno del castello di Badiola, limitrofo alla casa della Famiglia Bruschi, si hanno notizie dell'esistenza di un ospedale, che intorno al 1620 andò in rovina.

Da un censimento del 3 maggio 1649, i cui documenti sono conservati presso la curia vescovile, risulta che le anime erano 95, i morti dal 1639 in poi erano 22, i matrimoni 5. Si legge inoltre "che non ci sono bestemmiatori, persone di malavita o scandalose; dalla Santa Pasqua si sono comunicati tutti": il parroco era un tal don Costantino.

Intorno al 1760 si hanno notizie dell'esistenza della Confraternita del SS. Sacramento e del Suffragio, i cui confratelli hanno una veste bianca con mazzette nere, che usavano per funzioni e processioni. Tuttora le suddette vesti vengono usate per le processioni solenni.

Nel 1763 il parroco era don Domenico Ricci, dello stesso castello di Badiola.

Nel 1864 don Costantino Battaglia, allora parroco, ottenne l'approvazione del Vescovo per la costruzione di un organo per la chiesa: nella lettera si legge che viene aiutato economicamente dalla famiglia Duranti, precisamente da Carlo e Francesco.

Da una visita pastorale del 1881 risulta l'esistenza di due piccole chiese: una intitolata a S. Francesco Saverio, di proprietà della Famiglia Granier, benedetta dal Vescovo nel 1880; l'altra di S. Marta, situata al vocabolo il Colle. Quest'ultima, restaurata negli anni '80, evidenzia nei suoi affreschi anche le immagini delle "Quattro Virtù".

Nel 1895 si termina la costruzione del cimitero, nonostante inizialmente il Comune di Marsciano avesse ordinato che il paese si servisse del cimitero di Spina.

Anche il paese di Badiola ha dato il proprio contributo allo stato italiano, durante la I Guerra Mondiale: una lapide sita sul campanile ricorda i nomi dei caduti nella Grande Guerra.

La II Guerra Mondiale è entrata nel vivo della vita di Badiola: infatti, i Tedeschi vi installarono per circa un anno un loro posto di smistamento ed approvvigionamento per il fronte di Cassino. Fortunatamente, grazie alla rinuncia da parte degli Alleati ad uno scontro con i Tedeschi, non ci sono state battaglie.

Nel 1861 a Badiola c'erano 188 abitanti, nel 1871 erano 351 e secondo dati ISTAT nel 1951 gli abitanti erano 206 e nel 1981 erano 254,poi l'urbanizzazione ha congelato la crescita del paese, anzi,dal 1981 gli abitanti da 254 sono 103.

«Podere Vocabolo Badiole, nella comune di Badiola, arativo a grano, pergolato, macchioso, con casa colonica, affittato per anni tre dal 16 giugno 1807. Nel suddetto podere esistono bovi, vacche, maiali, pecore, agnelli e castrati...»

(1810 "Stato dei beni urbani, e rustici situati nei dipartimenti di roma, e del Trasimeno destinati al rimborso del debito pubblico in conformità del decreto imperiale de' 5 agosto 1810")
«Badiola, villa prov. e deleg. di Perugia, presso la sinistra riva del Genna, 4 miglia a libeccio da Perugia e 6 a greco da Compignano, in sito abbondante di pascoli, e che molto bene vi fruttiscono le viti, gli ulivi ed anche i cereali. Vi si annoverano quasi 700 abitanti. Il suo nome gli deriva da un ospizio de' monaci della badia di san Pietro di Perugia, i quali vi arcano molti poderi, ed in autunno serviva loro di villa campestre.»

(Giovanni Battista Rampoldi, nel suo libro del 1832 "Corografia dell'Italia")
«Villaggio negli Stati Pontifici, distretto e delegazione di Perugia. Ha 218 abitanti. Trovasi presso la sponda sinistra del Genna, e trae il suo nome da una piccola Badia di monaci. Il suo territorio abbona assai in pascoli, viti e ulivi. Dista 4 miglia al sud-est da Perugia.»

(Massimo Fabi, nel suo libro del 1852 "Corografia dell'Italia")
«San Benedetto dell'Abbadiola con 212 individui in 33 famiglie in 33 case. Quest'ultima frazione detta pur Badiola rimane a 4 miglia a Libeccio da Perugia, 6 a Greco da Compignano in sito copioso di pascoli, di viti, d'olivi, di cereali. Il nome derivale da un ospizio e poderi che vi possedevano i Monaci della Badia di San Pietro di Perugia, e serviva loro di autunnale campestre villa.»

(Adone Palmieri, nel suo libro del 1857 "Topografia statistica dello stato pontificio ossia breve descrizione delle città e paesi loro malattie predominanti commercio, industria, agricoltura, istituti di pubblica beneficenza santuari, acque potabili e minerali, popolazione ... ")

Monumenti e luoghi d'arte
Chiesa parrocchiale di San Benedetto, intitolata al santo che è anche patrono del paese. Reca scolpito sul portale cinquecentesco lo stemma del monastero benedettino di San Pietro in Perugia che ne aveva la proprietà, ospita al suo interno un affresco del pittore Carlo Dell'Amico, realizzato in occasione del XV centenario della chiesa, e una statua lignea della Madonna di medie dimensioni e molto ben conservata. "Gesù Cristo, la Madonna e San Biagio" sono invece i tre personaggi raffigurati nell'affresco situato sull'abside, opera di Adelmo Marinelli nel 1967.
Castello di Badiola;
Chiesa di S. Marta;
Olmo plurisecolare;
Monumento ai caduti della I Guerra Mondiale;
Monumento di San Benedetto da Norcia, costruito nel 2005.

 

© 2019 Pro Loco San Sisto | Contattaci
Privacy Policy